Autore: Marina | 18 giugno 2018

Era il maggio del 2003, quando un ragazzino di appena 19 anni, Matthew Charle Mullenweg, fondò quello che oggi è il più conosciuto CMS del mondo: WordPress.

Facciamo però un passo indietro.

WordPress nacque appunto nel 2003 come supporto di b2/cafelog, CMS scritto in PHP e supportato da MySQL. La sigla CMS sta per Content Management System (Sistema per la Gestione dei Contenuti), nonché appunto un software per la realizzazione di testi che possono essere continuamente modificati e implementati. WordPress è proprio questo, un programma che permette la creazione di contenuti sul web, che possono essere modificati e gestiti in maniera autonoma.

L’idea del fondatore era proprio quella di creare una piattaforma in cui tutti, anche i meno esperti di programmazione e informatica, potessero utilizzarlo.

Come il suo predecessore, anche WordPress è sviluppato in PHP e si appoggia al gestore MySQL. Venne distribuito in America e inizialmente in lingua inglese, per poi essere diffuso in tutto il mondo in altre lingue. Trattandosi di open source, l’implementazione delle lingue e i miglioramenti della piattaforma sono anche a opera dei contributori esperti che ogni giorno mettono a disposizione la loro professionalità per consentire ai meno esperti l’utilizzo del CMS. WordPress è inoltre scaricabile gratuitamente dal sito WorPress.org, che fornisce appunto la sua versione ufficiale.

WordPress dalla creazione a oggi

Oltre a WorPress.org esiste anche WorPress.com, che invece è di proprietà della Automattic, società fondata dallo stesso Mullenweg. Nonostante possano sembrare la stessa cosa, WordPress.com e WordPress.org sono due realtà completamente differenti.

WordPress.com fornisce versioni sempre gratuite ma ridotte del software. Si tratta di un hosted ovvero una piattaforma che fornisce solamente dei sotto-domini (per intenderci l’indirizzo del nostro sito sarà così formato mionome.wordpress.com), e per poter avere un dominio principale è necessario attivare un piano di abbonamento. Non può essere implementata da plugin, i moduli dipendenti che vengono inseriti per aumentare alcune funzionalità del programma, e non possono essere installati ulteriori temi. Si potrebbe dire che Worpress.com è la piattaforma di base, molto utile per i neofiti o per i siti non aziendali.

D’altro canto invece, Worpress.org è un self-hosted cioè una piattaforma che può essere creata, modificata e migliorata dallo stesso utente. Non è necessario avere delle conoscenze approfondite di programmazione per creare un sito, proprio perché si tratta di un’interfaccia molto immediata e semplificata. Con Worpress.org è possibile utilizzare i plugin o utilizzare dei temi esterni, personalizzandoli a piacimento. WordPress.org consente la realizzazione di siti professionali, di qualsiasi tipo con dominio proprio (in questo caso il nostro sito si chiamerà mionome.org).  Con questa tipologia di WordPress l’utente dovrà anche avere un proprio piano di hosting, ovvero lo spazio necessario per il proprio sito all’interno del web. In sostanza si tratta di affittare lo spazio per inserire il sito su Internet.

 

Attualmente WordPress rappresenta il 25% dei siti di tutto il mondo, un risultato non irrilevante tenuto conto la presenza di altri CMS di cui numerosi sono con la medesima formula dell’open source. Dall’anno di creazione nel 2003 a oggi sono oltre trenta le versioni di WP: la prima, la versione 0.7 non aveva alcun nome; dalla versione 1.0, lanciata nel gennaio 2004 invece, ogni versione è stata battezzata col nome di un musicista jazz. Abbiamo Miles, Mingus, Duke, Ella, Dexter e via dicendo, sino ad arrivare alla versione corrente, la 4.9 chiamata Tipton in onore del musicista statunitense che nascose per tutta la vita la sua reale identità in quanto transgender.

Ogni versione ha chiaramente subito dei miglioramenti anche radicali, sia per quanto riguarda la creazione di nuovi temi, sia per l’interfaccia di scrittura, sia per quanto riguarda la gestione dei media (video e foto). La versione 5.0 del 2018 non è ancora stata lanciata, ma i più esperti prevedono nuove migliorie per quanto riguarda la creazione dei temi e una nuova versione dell’editor con più attenzione al vocabolario e all’editing del testo (la versione beta è già stata testata ma non ha ricevuto troppi riscontri positivi).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà reso pubblico. I campi contrassegnati con * sono obbligatori.

Commenta:

Full Name: *

Email Address: *

Website:

ERRORE

( - Attenzione! Controlla il Captcha. - )

ISCRIVITI PER RICEVERE LA NEWSLETTER

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Cliccando su Accetta accetterai tutte le tipologie di cookie e continuerai la navigazione. Se invece preferisci informarti su una cosa tanto inutile, clicca su Maggiori informazioni per leggere quali cookie utilizza questo sito web e se non sarai d'accordo siamo costretti a chiederti di abbandonare il nostro sito web e cancellare i cookie. Grazie maggiori informazioni

Cookies

Il consenso all’utilizzo dei cookie di profilazione viene prestato dall’utente attraverso le seguenti modalità: chiudendo il banner contenente l’informativa breve.
Tutti i cookie tecnici non richiedono consenso, pertanto vengono installati automaticamente a seguito dell’accesso al sito o al servizio.

_ga
Google Analytics tracking cookie
Tipologia: HTTP Cookie
Domain: nostudio.it
Questo cookie ha una scadenza di 729 giorni
Dimensione: 26 bytes
Esempio: GA1.2.351760448.1526036421

_gid
Tipologia: HTTP Cookie
Domain: nostudio.it
Questo cookie ha una durata per la sola sessione e verra' cancellato alla chiusura del browser
Dimensione: 25 bytes
Esempio: GA1.2.99177079.1526036421

_gat_gtag_UA_46905560_1
Tipologia: HTTP Cookie
Domain: nostudio.it
Questo cookie ha una durata per la sola sessione e verra' cancellato alla chiusura del browser
Dimensione: 1 bytes
Esempio: 1

fr
Facebook tracking cookie
Tipologia: HTTP Cookie
Domain: facebook.com
Questo cookie ha una scadenza di 89 giorni
Secure The cookie sets the Secure flag but is itself set on a non-TLS (plaintext HTTP) website. New browsers will ignore such cookies under the Strict Secure cookie policy
This cookie is not readable by client-side JavaScript code
Dimensione: 39 bytes
Esempio: 0WKFL..Ba9es...1.0.Ba9es.

I cookie possono essere completamente disattivati dal browser utilizzando l’apposita funzione prevista nella maggior parte dei programmi di navigazione.
È bene sapere però che disattivando i cookie alcune delle funzionalità potrebbero non essere utilizzabili.

Le piattaforme Youonlinechoice offre la possibilità di rifiutare o accettare i cookie di molti professionisti della pubblicità digitale.
Ti consigliamo di utilizzare questa piattaforma per gestire la revoca del consenso all’utilizzo dei cookie.

Chiudi